Venerdi 23 02 2018 - Aggiornato alle 23:29

javier_marias
Santa Margherita di Belice Allo spagnolo Javier Marìas il premio letterario "Tomasi di Lampedusa" 2014

La cerimonia di premiazione dell'undicesima edizione in programma martedì 5 agosto in Piazza Matteotti condotta dalla giornalista Rai Rosanna Cancellieri

di Santina Matalone - 22/07/2014

E’ andato allo scrittore spagnolo Javier Marías, con il romanzo “Gli innamoramenti” (Einaudi), l’undicesimo Premio Letterario Internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa. La cerimonia di premiazione si svolgerà martedì 5 agosto (ore 20.45), in Piazza Matteotti a Santa Margherita di Belìce, condotta dalla giornalista Rai Rosanna Cancellieri.
 
La città del Gattopardo, oltre a Javier Marías, ospiterà anche Fiorella Mannoia che eseguirà alcuni fra i  brani più noti del suo repertorio musicale e Sebastiano Somma a cui è affidata la lettura di alcuni frammenti tratti da  “Il Gattopardo”. L'attore campano, sarà impegnato anche l’indomani cioè mercoledì 6 agosto, con un recital-spettacolo per immagini dedicato a “Il Gattopardo” per la regia di Gaetano Stella.
 
“Il Premio è diventato negli anni patrimonio comune dell'intera cittadinanza. Incontrare e ascoltare le parole di uno scrittore di fama internazionale è un segnale di crescita culturale soprattutto per le nuove generazioni", dichiara il sindaco Franco Valenti che si dice orgoglioso di ospitare un grande scrittore come Javier Marías.
 
Per Matteo Raimondi, presidente dell'Istituzione Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “il Premio è diventato un appuntamento importante non solo per Santa Margherita di Belìce ma per tutto il territorio siciliano. E evidente a tutti come negli ultimi anni il Premio sia cresciuto in maniera esponenziale. Sono migliaia le persone che partecipano alla cerimonia di premiazione, tutto ciò comporta una crescita culturale ma anche uno sviluppo economico per l'intero territorio delle Terre Sicane”.
 
Un premio giunto all’11ma edizione che quest’anno punta sui giovani con una sezione didattica intitolata “L'officina del Racconto”. Un laboratorio di scrittura ispirato ai ricordi di infanzia del Tomasi rivolto agli studenti dell'Istituto Comprensivo Giuseppe Tomasi di Lampedusa di Santa Margherita. “Sono una quindicina i racconti che abbiamo sottoposto all'attenzione della giuria del Premio, ed alcuni sono veramente emozionanti, il miglior componimento sarà premiato con una targa. Siamo convinti – dichiara Tanino Bonifacio vice sindaco e direttore del Premio – che questa idea possa rappresentare un ulteriore passo in avanti per avvicinare i ragazzi alla lettura, alla cultura letteraria”. 
 
Alla cerimonia di premiazione del 5 agosto parteciperà anche la giuria del Tomasi di Lampedusa, presieduta da Gioacchino Lanza Tomasi, insieme al musicologo: Salvatore Silvano Nigro, Giorgio Ficara e Mercedes Monmany.
 
Nelle precedenti edizioni il riconoscimento è stato assegnato a: Abraham B. Yehoshua con il romanzo La Sposa liberata (Einaudi), Tahar Ben Jelloun con Amori stregati (Bompiani), Claudio Magris con Alla cieca (Garzanti), Anita Desai con Fuoco sulla montagna (Einaudi), Edoardo Sanguineti con Smorfie (Feltrinelli), Kazuo Ishiguro con Notturni. Cinque storie di musica e crepuscolo (Einaudi), alla memoria di Francesco Orlando con La doppia seduzione (Einaudi), Valeria Parrella con Ma quale amore (Rizzoli), Amos Oz con Il Monte del Cattivo Consiglio (Feltrinelli) e Mario Vargas Llosa con Il sogno del Celta (Einaudi). 
 

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione